Nell’ultimo decennio l’analisi del DNA ha fornito un valido supporto sia in ambito clinico che diagnostico per un numero elevato di malattie geniche monofattoriali, cioè causate dall’alterazione di un singolo gene come la fibrosi cistica, disturbi della coagulazione e le talassemie.